Denise Project

Notizie dal web

Olio extravergine d’oliva: caratteristiche e proprietà

febbraio17

L’olio extravergine di oliva pugliese, toscano e umbro sono riconosciuti in tutto il mondo come simbolo di eccellenza del Made in Italy del comparto agroalimentare. L’Italia è la seconda potenza al mondo per volumi di olio prodotti e per esportazioni e le specialità olivicole nostrane generano flussi costanti verso Stati Uniti, Australia, Giappone e Cina, principali importatori del settore. L’olio d’oliva, nella sua qualità extravergine, rappresenta una risorsa fondamentale per i produttori di casa nostra ed è parte integrante del retaggio gastronomico tipico del Belpaese, soprattutto nel Mezzogiorno.

Cos’è l’olio ‘extravergine’?

Perché un olio d’oliva possa essere commercializzato con il marchio ‘extravergine’, deve rispettare i parametri di qualità e di produzione varati dall’Unione Europea tramite Regolamento CEE n. 2568/91 e successivi aggiornamenti. Il regolamento ha stabilito che solo l’olio d’oliva con tasso di acidità non superiore all’0,8% può essere ritenuto extravergine; altresì, esso deve essere ottenuto mediante modalità estrattive meccaniche a freddo, con temperature inferiori ai 28 gradi. In assenza di uno dei due fattori, l’olio d’oliva prodotto all’interno dei confini UE non può essere considerato di qualità extravergine.

Le proprietà dell’olio extravergine d’oliva

L’olio d’oliva di miglior qualità svolge un’importantissima attività di regolazione cardiocircolatoria, favorisce una migliore elasticità delle cellule e abbatte i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Un consumo regolare di extravergine permette di abbassare di oltre il 40% il rischio di ictus e del 30% quello di infarto.

Polifenoli vitamina E e i fitosteroli riducono sensibilmente l’incidenza di osteoporosi e di artriti reumatoidi, ritardando l’invecchiamento delle cellule del sistema circolatorio. Anche le cellule cerebrali traggono significativo giovamento dal consumo di olio extravergine d’oliva e la presenza di oleocantale, derivato polifenolico che provoca il tipico pizzichio alla gola, permetterebbe di abbassare i rischi di sviluppare l’alzheimer.

L’alimento svolge anche una funzione antitumorale e abbatte sensibilmente il rischio di tumore al seno e, in minor parte, alla prostata. L’extravergine è un antidepressivo naturale e aiuta la regolarità intestinale, riducendo stitichezza e prevenendo la comparsa di sindromi legate all’attività metabolica.

posted under Cucina | No Comments »
« Older Entries